Valigia parto e borsa bebè eco-friendly!!!

Oggi voglio raccontarvi di come ho preparato la mia valigia per il parto e quella del mio bimbo in modo ecosostenibile! Quando ero incinta del mio primo bimbo mi ritrovai nel mare magnum di video su youtube e forum dedicati alla gravidanza in cui future mamme, come me, mostravano tutto ciò che avevano preparato per il fatidico giorno.

Il primo pensiero nel vedere tutti quei video fu “possibile siano indispensabili tutte quelle cose?! Neanche stessi via un mese!” mamme che preparavano non borse parto ma trolley da vacanze estive, interi guardaroba e pochette trucco (seeeh e quando hai il tempo di truccarti!!) oltre che un intero corredo ricamato dalle nonne e addirittura posate e stoviglie! Io che sono una persona abbastanza pratica portai una borsa per me e una borsettina piccola per il pupo, il resto lo lasciai a casa in caso di bisogno . Anche per il secondo bimbo ho utilizzato le stesse borse (prestate da mia mamma) ma ho cercato di essere ancora più eco friendly rispetto al primo parto.valigia-parto

Ogni ospedale fornisce delle linee guida su cosa portare per cui è bene chiedere cosa viene richiesto, io portai queste cose:

Per la mamma:

  1. assorbenti post parto, un pacco (ma non vi serviranno tutti!). Per l’ospedale potete optare per degli assorbenti post partum biodegradabili (qui potete acquistare quelli della Natracare vegani e biodegradabili), a casa potete usare come me degli assorbenti lavabili (ne parlo qui)
  2. tintura madre di calendula da mettere qualche goccia pura sull’assorbente per disinfettare e all’interno di una bottiglietta(potete sostituire la plastica con una bottiglia in acciaio inox) di acqua diluita per il bidè.
  3. una mini size di detergente intimo ultra delicato perché i punti bruciano!!
  4. una mini size di sapone detergente viso e corpo.
  5. crema viso in tubetto o in mini size.
  6. deodorante/spazzolino dentifricio (in mini size!)
  7. un pettine o spazzola
  8. disinfettante mani per vari usi, potete usare anche uno spruzzino con dentro acqua e qualche goccia di oil tree.
  9. cremina per il seno (io presi la Purelan della Medela)
  10. qualche dischetto assorbilatte lavabile! (che nella maggior parte dei casi non vi serviranno per l’ospedale bensì a casa quando verrà la montata lattea, qui trovate quelle lavabili della Medela)
  11. un reggiseno allattamento in cotone
  12. tre camice notte aperte (di cui una per il parto che userete solo per partorire e le altre per la degenza in ospedale)
  1. un asciugamano grande e uno piccolo
  2. ciabattine e se inverno vestaglia ma tenete conto che i riscaldamenti saranno al massimo piuttosto potete farveli portare da casa se lo riterrete necessario.
  3. fazzoletti
  4. durante il travaglio un po di frutta secca e del cioccolato fondente.

Per il bebè:

  1. un cambio per ogni giorno che starete in ospedale, preparatene qualcuno anche da tenere a casa per le emergenze, ogni cambio va messo in una bustina (o sacchettino) a cui va messa un etichetta (es. nome e cognome bimbo- cambio nascita-secondo cambio-terzo cambio) questo per facilitare il compito alle infermiere ed essere sicuri che il bimbo verrà cambiato come volete voi. Solitamente si mettono, in ogni sacchettino, un body, una tutina, dei calzini. La camicia della fortuna nel primo sacchettino, quello della nascita.
  2. un paio di bavaglini
  3. un cappellino e un giacchino per le dimissioni. Preparate a casa la carrozzina con lenzuolini e copertina!
  4. alcuni ospedali forniscono pannolini e salviette se non fosse così o optate per una soluzione più ecostenibile vi consiglio il mio articolo sui pannolini ecologici (qui) e il mio manuale gratuito sui pannolini lavabili (qui).Tenete presente che gli armadietti dell’ospedale sono piccoli e stretti e dovete condividerli con altre mamme, per cui non abbondate con le cose, piuttosto lasciate a casa dei cambi in più da farvi portare in caso, ripeto,di emergenza!

    Come avete preparato la vostra valigia parto?

    Leggi anche: Un aiuto in gravidanza: Apermus e Rescue Remedy

Consigli di lettura:

Lascia un commento