Riflessioni sulla scuola e la genitorialità..

Ieri mattina, mentre accompagnavo mio figlio a scuola, ho assistito ad una scena che mi ha lasciata perplessa e mi ha fatto riflettere su due tematiche, la scuola e la genitorialità.

Cosa è successo? È accaduto che, entrati nel vialetto della scuola, ho sentito una maestra di una delle classi dell’istituto urlare istericamente contro un bambino, non so cosa possa essere successo ma essendo una persona estremamente sensibile mi ha scosso terribilmente. Le domande che vorticosamente si sono palesate nella mia mente sono state:

1)Cosa può aver fatto questo bambino di così grave?

2)E’ possibile che questa maestra sia così arrabbiata alle 8,30 di mattina?

3) Perché insegna se non le piace?

Alle prime due non so rispondere sulla terza domanda qualche riflessione mi è venuta, l’insegnamento è una dote e una missione per come la vedo io, gli educatori hanno il nobilissimo compito di formare gli adulti del domani (vi pare poco??), purtroppo però la scuola pubblica italiana ha una grave pecca, formare squadre di insegnanti preparatissimi nel loro campo di insegnamento (forse!) ma totalmente privi di quella che dovrebbe essere la base di tutti i tipi di formazione, rullo di tamburi…la pedagogia!

Ebbene si! posso essere il Cicerone della letteratura italiana ma se non conosco come si insegna questa benedetta letteratura, se non so chi ho davanti (o non mi interessa), se penso che punire invece che spronare l’allievo beh caro insegnante ne hai di strada da fare (cambiare mestiere sarebbe più coerente!).

Mia cara maestra con i nervi a fior di pelle non ho potuto fare irruzione (pacifica!) nella tua classe per dirti che stai insegnando ai tuoi allievi ad odiare la scuola, che con i tuoi metodi punitivi e le tue strilla stai abusando del tuo potere e non stai rispettando le persone che ti stanno davanti anche se sono alte 1 metro e mezzo! (ti permettersi di fare la stessa cosa con un tuo simile? non credo!).

E’ vero delle volte assistiamo a scene di ragazzi che bullizzano i propri compagni e gli insegnanti ma quante generazioni sono state bullizzate da insegnanti poco inclini al confronto e ai loro genitori? Non voglio giustificare nessun tipo di forma violenta ne se provengono da alunni ne da parti degli insegnanti però sono convinta che più che i ragazzi (i quali vogliono essere solo ascoltati) siamo noi genitori e voi insegnanti ad avere molta responsabilità.

Qui ho riflettuto sul fatto che se fosse stata la classe di mio figlio lo avrei ritirato all’istante da una situazione evidentemente poco formativa, mi sono chiesta (forse erroneamente mi metto comunque in discussione) ma i genitori di questa classe (non è la prima volta che la sento urlare purtroppo) sono sereni a lasciare i propri pargoli a questa maestra? Perché non ci si accorge mai di niente? Perché noi genitori deleghiamo ogni responsabilità ad altri mai a noi stessi, è sempre colpa della scuola, della tv, della parrocchia, del vicino di casa, di altre mamme senza capire che noi possiamo scegliere cosa è meglio per i nostri figli, per favore non deleghiamo più ad altri le nostre responsabilità.

Non è più possibile sentire al telegiornale maestre che picchiano i bimbi e vedere le facce stupite dei genitori!! i bambini e i ragazzi non fanno i capricci (noi adulti si!) esprimono esigenze normalissime!

Aiutiamo i nostri bimbi e ragazzi anche ad andare controcorrente per far valere le loro passioni, la loro creatività e individualità, noi adulti siamo terribilmente noiosi e prevedibili (e pieni di rabbia) impariamo a colorare fuori dalle righe!

Lascia un commento