bambini con disabilità: che sport fare?

I bambini disabili, come tutti gli altri bimbi, devono scegliere un tipo di sport adatto alle loro esigenze e disabilità. L’attività fisica unita ad una buona alimentazione contribuisce ad un sano sviluppo fisico e psichico, vediamo insieme quali sono i tipi di sport adatti alle diverse patologie:

Il nuoto

il nuoto è altamente consigliato per i bambini diversamente abili, risulta la disciplina più utilizzata nei trattamenti di riabilitazione, è altamente indicata per tutte le disabilità motorie, inoltre il bambino può sperimentare la libertà di movimento con il proprio corpo e l’acqua tende a rilassare i bambini.

Ginnastica dolce

la ginnastica dolce è utile per allenare la massa muscolare e sviluppare in modo armonioso la muscolatura corporea, migliora l’agilità e sopratutto quella posturale migliora patologie quali scoliosi o cifosi.

Pallavolo

la pallavolo migliora e potenzia la capacità muscolare, l’agilità e la coordinazione motoria.

Tiro con l’arco

Il tiro con l’arco migliora la concentrazione, in casi di disabilità vengono seguite le linee guida della FITARCO (Federazione Italiana Tiro con l’Arco). L’obiettivo è colpire con più accuratezza possibile, attraverso delle frecce, un bersaglio posto ad una distanza variabile, è molto comune tra le varie discipline sportive per chi ha una disabilità fisica.

Basket in carrozzina

Il basket in carrozzina è uno degli sport più diffusi per chi per chi ha una disabilità motoria, rappresenta un ottimo allenamento volto al recupero fisico di un portatore di handicap perché consente al giocatore di esprimersi in azioni di gioco veloci, identiche a quelle che si possono ammirare nella pallacanestro giocata da normodotati.

Judo

le arti marziali, in particolare il judo per i ragazzi non vedenti o ipovedenti consente di avere maggiore contatto fisico rispetto agli altri sport, migliora l’equilibrio e la sicurezza.

Equitazione e Pet Therapy

L’utilizzo degli animali è considerata tra le terapie più benefiche della riabilitazione per soggetti con disabilità, sopratutto i bambini risultano essere più predisposti a questo tipo di strumento terapeutico. Nell’ippoterapia il soggetto si lascia in maniera passiva guidare da un istruttore specializzato, questo tipo di disciplina è particolarmente indicato per soggetti con disabilità neurologiche o psichiche. L’equitazione invece prevede un intervento attivo della persona disabile, è particolarmente indicato per le problematiche cognitivo-comportamentali.

Tennis tavolo

l tennis tavolo è uno sport altamente formativo , che sviluppa e migliora i riflessi, la concentrazione e la respirazione e, dal punto di vista psicologico, insegna ad inseguire la vittoria e accettare la sconfitta. La pratica da parte degli atleti paraplegici, ad esempio, ha effetti positivi sui muscoli dorsali e addominali ed è utile nei tempo per prendere confidenza con la carrozzina.

Il tennis tavolo rappresenta anche un grande strumento di integrazione, è una delle poche discipline che permette una completa integrazione tra atleti disabili e normodotati.

Lo svolgimento dell’attività fisica regolare è fondamentale nell’età evolutiva, numerosi studi hanno evidenziato come il movimento offra benefici sulle condizioni fisiche dei bambini affetti da disabilità e costituisce un importante strumento di socializzazione, un miglioramento dell’autostima e una forte riduzione del peso psicologico che è insita nella disabilità.



		

Lascia un commento