L’esogestazione: perché è importante che i neonati stiano a stretto contatto con la mamma

Dopo i nove mesi di endogestazione in cui il neonato sta dentro la pancia della mamma con cui vive in completa simbiosi, il bambino ha un ulteriore periodo di “incubazione” chiamato esogestazione in cui nei nove mesi successivi al parto viene completato parte del suo sviluppo.

Perché il bambino non si forma completamente durante i mesi di gestazione? Semplicemente perché un bambino completamente formato non passerebbe nel canale del parto e sarebbe impossibile per la donna partorire un bambino così grande!

Durante i nove mesi di esogestazione, i piccoli prendono coscienza di essere staccati dalla mamma, sviluppano il loro sistema nervoso ancora immaturo e maturano i loro organi ancora prematuri.

L ‘esogestazione rappresenta quindi un periodo fondamentale per i bambini come sviluppo delle capacità motorie, cognitive e psicologiche.

Il bambino in questa fase non si sente staccato dalla madre, c’è una sorta di cordone ombelicale virtuale che li unisce, ha bisogno di sentirsi protetto e contenuto proprio come stava nel grembo materno così caldo e confortante.

In questa fase che va dalla nascita fino ai nove mesi il bambino ha bisogno di sentire la mamma attraverso i sensi, l’odore, il tatto, l’udito; quindi tenere in braccio il neonato, portalo in fascia, attuare il cosleeping (dormire insieme nello stesso letto) non significa viziare il vostro bebè come spesso ci si sente dire ma significa accogliere il nostro bambino, dargli la possibilità di distaccarsi in maniera graduale e matura, in poche parole quando sarà pronto!

L’allattamento al seno è fondamentale in questa fase per rafforzare il legame mamma-figlio sopratutto nei primi sei mesi quando il bambino risente ancora del sistema immunitario della mamma che lo protegge.

Quindi via libera alle tre C: cullare, contenere, consolare, ricordate che i bambini ad “alto contatto” sono quelli più socievoli e sicuri delle proprie capacità e se questo non vi convince a non dar retta alle chiacchiere allora pensate che vi rimarranno i ricordi più belli, quelli che nessun inchiostro può cancellare: voi e il vostro bambino cuore a cuore.

Lascia un commento